Skip to main content

Oggi una rubrica tutta al maschile dedicata a come aumentare il testosterone, soprattutto quando il tempo passa e bisogna fare i conti con i cambiamenti fisiologici del nostro corpo.

Risponderemo alla domanda: è possibile aumentare l’ormone in modo naturale e senza ricorrere a farmaci? 

Dopo aver analizzato le cause che tendono a far scendere i livelli di testosterone nell’uomo, vi daremo dei buoni consigli per migliorare lo stile di vita e scegliere gli integratori giusti da aggiungere alla dieta giornaliera per migliorare la situazione in modo semplice e naturale. 

Testosterone integratori: cerchiamo insieme di approfondire quali sostanze devono possedere per essere realmente efficaci.

I segnali di un testosterone che comincia a scendere

Cogliere i segnali è già un primo passo per far fronte al calo di testosterone che nel tempo è inevitabile in ogni uomo.

A partire dai 40 anni, ma soprattutto dopo i 50, i livelli dell’ormone cominciano a scendere pian piano. L’avanzare del tempo tende a sopraffarci: nelle donne le rughe cominciano a fare le prime apparizioni e nell’uomo il problema più grande riguarda il testosterone!

Ma anche qui la ricerca scientifica ha trovato delle ottime soluzioni per fronteggiare il disagio con soluzioni mirate, non invasive e del tutto naturali, come gli integratori.

Ma quando prenderli? Cominciamo a capire quali campanelli d’allarme attenzionare in caso di testosterone basso:

  • stato di debolezza eccessivo;
  • sbalzi d’umore;
  • diminuzione della libido;
  • aumento di peso;
  • disfunzioni erettili;
  • difficoltà a prendere sonno e dormire bene.

Apparentemente sono sintomi comuni che possono verificarsi anche in caso di forte stress o stati ansiosi, pertanto spesso non si associano subito al problema del testosterone. Ecco perché in molti casi è consigliabile fare anche specifici esami del sangue per individuare se la causa è ormonale oppure legata ad altri fattori.

Testosterone basso: quali sono le cause?

Dall’alimentazione alla sedentarietà, dalle cattive abitudini all’età: le cause che provocano l’abbassamento del testosterone sono diverse e vanno analizzate con attenzione per porvi rimedio immediatamente. 

testosterone integratori

Proviamo a vederle una per una in questo breve elenco riassuntivo:

  • Cattiva alimentazione. Se si mangia in modo sbilanciato e poco sano il fisico ne risente in tutte le sue parti. Oltre a incrementare l’aumento di peso (in particolare la percentuale di grasso) si percepisce la carenza di vitamine e sali minerali necessari per il buon funzionamento fisiologico. 
  • Sedentarietà. Vi muovete poco? Questo è un altro elemento su cui lavorare per evitare il calo del testosterone. 
  • Mancanza di sonno. Quante ore dormite in media ogni notte? Una vita sregolata dove vi concedete poco riposo per mente e corpo non fa affatto bene nemmeno alla vostra produzione di testosterone, che comincia a risentire della debolezza legata alla mancanza di sonno.
  • Preoccupazioni. Le situazioni stressanti sono all’ordine del giorno, lo sappiamo bene! Però sono indice anche di una scarsa serenità che porta anche conseguenze sul piano fisico. 
  • Cattive abitudini. Se vi piace bere un bicchiere di vino ogni tanto o un drink con gli amici va benissimo, ma se siete abituati a consumare alcolici in quantità e in modo eccessivo sappiate che l’alcol è una delle cause più gravi che comportano il calo del testosterone e anche della libido.
  • Età. Su questo fattore, invece, possiamo intervenire solo con gli integratori e con uno stile di vita sano.

Adesso che abbiamo preso coscienza delle cause scatenanti è d’obbligo cercare di individuare i rimedi naturali per vivere meglio e produrre testosterone nella giusta quantità anche col passare degli anni. 

Testosterone integratori: come fare la scelta più naturale

Per aumentare la produzione di testosterone nell’uomo esistono degli integratori naturali al 100% che se, presi con regolarità, contribuiscono a risolvere il problema senza pertanto dover ricorrere all’uso di farmaci. 

Realizzati con erbe dai comprovati benefici e finalizzati a dare un aiuto mirato e privo di effetti collaterali, questi integratori contengono determinate sostanze che agiscono direttamente sui livelli ormonali, determinando un incremento della produzione anche fino a tre volte oltre i livelli normali. 

Ecco cosa cercare nelle formulazioni più efficaci:

  • Acido-D-Aspartico
  • Ashwagandha
  • Tongkat ali (viagra malesiano)
  • Icarina
  • Arginina
  • Ginseng
  • Guaranà
  • Taurina

Alcuni di essi sono più potenti e mirati proprio ad aumentare il livello del testosterone, altri invece agiscono su altri fattori, come l’Ashwagandha, che è indicata per alleviare lo stress, le preoccupazioni e gli sbalzi d’umore e quindi determina un effetto calmante che influisce positivamente sulla produzione ormonale.

L’assunzione regolare di integratori per aumentare il testosterone migliora le prestazioni, aumenta il desiderio e di conseguenza permette all’uomo di vivere la sua sessualità con serenità e senza disagi.

Come aumentare il testosterone dopo i 50 anni

testosterone integratori

L’uso di opportuni integratori per il testosterone è ciò che può essere d’aiuto ai giovani con problemi ormonali e disfunzioni erettili temporanee legate alle cause prima citate, ma sono ottimi soprattutto per chi deve fare i conti con questo problema per il resto della vita.

Parliamo della fascia di età che parte dai 50 anni in su, dove i desideri sono ancora ben presenti ma si scontrano con un testosterone basso che risente dell’avanzare del tempo. Ovviamente si tratta sempre di un problema soggettivo che può manifestarsi in maniera differente da persona a persona, ma la soluzione è unica per tutti e va ricercata in uno stile di vita sano accompagnato da integratori naturali da assumere con continuità.

Ma attenzione: per avere una efficacia ancora più evidente, soprattutto in questa fase della vita, è bene che contengano anche vitamine e sali minerali. Quali?

  • Zinco e magnesio, che aiutano ad equilibrare i livelli ormonali.
  • Vitamina D, che agisce direttamente sugli ormoni e aumenta la produzione di testosterone e il desiderio sessuale.
  • Omega3, in particolare DHA, sono ottimi per gli innumerevoli benefici sessuali tra cui anche la capacità di incrementare la produzione di testosterone.

Testosterone integratori: dove trovarli?

Se l’idea di entrare in una parafarmacia, o erboristeria, e chiedere gli integratori sessuali vi mette a disagio esistono anche altre soluzioni più semplici per comprarli in modo del tutto riservato.

Benvenuti nel mondo del web, dove anche chi ha superato la soglia degli “anta” può fare i propri ordini senza sentire su di sé il giudizio degli altri e risolvere il problema del testosterone in autonomia.

Conoscete Amazon? Di certo è il marketplace più utilizzato anche da chi ha scoperto Internet da poco ma ne ha già compreso le funzionalità e i vantaggi! Basta leggere le recensioni e fare l’ordine: gli integratori arriveranno direttamente a casa vostra, magari con qualche scontistica speciale. Potrete testare la sua efficacia per poi rilasciare, se volete, anche la vostra opinione che possa aiutare chi, come voi, si trova di fronte al problema del calo ormonale ma non demorde e vuole affrontarlo senza compromettere la propria salute.

Un consiglio per iniziare? Provate Maca Peruviana + Tribulus Terrestris Viboost, a base di zinco, magnesio, vitamina B6 e naturalmente la potenza del tubero andino conosciuto come Maca.

en_GBEnglish