Skip to main content

Si torna a parlare di diete veloci, sicure ed efficaci in tempi brevi.

Oggi vi proponiamo un obiettivo ambizioso: 10 kg in soli 7 giorni! Sarà davvero possibile? Non ci crederete ma esistono davvero tante varianti di questa formula che promette grandi risultati in pochissimo tempo. Noi oggi ve ne descriviamo due, ideate entrambe da due medici cardiologi che hanno scoperto un modo semplice per perdere peso facilmente, ma a patto di seguire per bene tutte le indicazioni.

Quindi partiamo subito alla scoperta di un’idea di dieta velocissima 10 kg in una settimana.

Ben 10 kg in sette giorni? Ecco cosa fare

A volte perdere molti chili in poco tempo può essere non solo difficile, ma anche pericoloso per la salute. Bisogna saper dosare bene i macronutrienti per garantire sempre e comunque il fabbisogno energetico giornaliero, altrimenti l’organismo potrebbe risentire di un calo ponderale così improvviso.

Eppure, se questo regime dietetico è ideato da un dottore può avere dei benefici che non riguardano solo il fisico ma anche gli organi interni, come il cuore nel caso della dieta velocissima 10 kg in una settimana. 

Ecco le due tipologie di cui vi parleremo oggi:

  • Dieta Scarsdale, ideata dal dottor Tarnower negli anni ‘70;
  • Dieta del cardiologo, ideata dal dottor Dwight Lundell in Arizona

Di ciascuna scopriremo le indicazioni, i benefici e un pratico esempio di menù settimanale.

Dieta Scarsdale: cos’è

La dieta Scarsdale è frutto degli studi del cardiologo Tarnower che propone un obiettivo di almeno mezzo chilo al giorno seguendo un regime dietetico abbastanza vario.

Queste diete, come tutte le altre così veloci come la dieta dei tre giorni, sono ideali per perdere liquidi ma non lavorano per niente sulla massa muscolare. Però sono ottime per dimagrire, sgonfiarsi, drenarsi e mantenere il peso raggiunto anche al termine.

Ovviamente ci sono alimenti da preferire e altri da evitare: ma andiamo con ordine e prima di scoprire come organizzare il menù approfondiamo come funziona.

Dieta Scarsdale: come funziona

dieta velocissima 10 kg in una settimana

Nella dieta Scarsdale si possono perdere fino a 10 kg con un apporto di 800-1000 calorie al giorno, distribuite nei tre pasti principali. Sfortunatamente dovrete dire addio a spuntino e merenda, ma se proprio non riuscite a resistere fino al momento di sedervi in tavola potete mangiare carote e cetrioli.

Ecco le indicazioni per seguire questo percorso:

  • Bere 2 litri di acqua al giorno;
  • Condire solo con limone, spezie, aceto di soia;
  • Non usare zuccheri ma al limite il dolcificante;
  • Evitare condimenti grassi (maionese, burro oppure olio);
  • Evitare cibi calorici come legumi, pasta, riso;
  • Il pane è ammesso ma con moderazione;
  • Si possono mangiare cibi non grassi (carne rossa magra e di pollo), pesce, frutta e verdura;
  • Fare attività fisica che potenzia il tono muscolare;

Secondo il cardiologo questa dieta ha influssi positivi anche sulle funzionalità del cuore, però bisogna farla solo per brevissimi periodi.

Menù dieta Scarsdale

E adesso eccoci alla parte pratica. Seguite questo semplice menù settimanale per perdere 10 kg in una settimana.

Lunedì

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: carne a scelta tra pollo, tacchino, manzo, prosciutto con pomodori. Caffè, tè o acqua tonica dietetica;

Cena: pesce magro o crostacei con insalata, accompagnati da una fetta di pane integrale tostato. Frutta di stagione e acqua.

Martedì

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: macedonia di frutta e caffè senza zucchero;

Cena: hamburger e insalata mista con pomodoro, peperoni, lattuga, cetrioli, zucchine.

Mercoledì

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: insalata di tonno al naturale oppure di salmone con un po’ di limone, frutta di stagione e caffè senza zucchero;

Cena: agnello arrosto con insalata.

Giovedì

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: uova sode con formaggio magro, insalata di zucchine o pomodori, una fetta di pane integrale e caffè senza zucchero;

Cena: pollo arrosto o alla griglia con contorno di verdure.

Venerdì

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: formaggi magri e spinaci con 1 fetta di pane integrale. Caffè senza zucchero;

Cena: pesce magro, insalata, 1 fetta di pane integrale.

Sabato

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: macedonia di frutta e caffè senza zucchero;

Cena: pollo o tacchino arrosto, insalata di pomodori e lattuga, frutta di stagione .

Domenica

Colazione: frutta di stagione e 1 fetta di pane integrale. Caffè o tè senza zucchero;

Pranzo: tacchino o pollo, verdure a scelta tra pomodori, carote, cavolo cotto, broccoli, cavolfiori, frutta di stagione e caffè senza zucchero;

Cena: vitello arrosto e insalata mista.

Dieta del cardiologo

Ed ora eccoci alla seconda tipologia di dieta che consente di perdere ben 10 kg in una settimana. Per molti versi è simile alla precedente, ma si differenzia per le modalità e gli alimenti inseriti nel percorso.

Anche nella dieta del cardiologo Lundell i benefici al cuore sono evidenti, ma con risvolti importanti anche sulle condizioni di sovrappeso, spesso causa di problemi cardiovascolari. Quindi la sua idea è stata da sempre quella di combattere il grasso viscerale con una dieta ipocalorica per dimagrire e favorire uno stato di salute ottimale.

Come funziona? Si prediligono cibi con micronutrienti, con l’apporto di tantissima frutta e verdura, e anche uova. Resta il principio base di bere molto e fare attività motoria in modo costante.

Dieta del cardiologo: menù da seguire

dieta velocissima 10 kg in una settimana

Ecco un menù tipico per questa dieta velocissima.

Lunedì

A colazione un frutto di stagione.

A pranzo un frullato di frutta con non più di due varietà, due uova sode e contorno di carote lesse.

A cena un uovo sodo, una fetta di pane integrale e contorno di spinaci.

Martedì

A colazione 30 grammi di mandorle e un frutto, ad esempio una mela;

A pranzo due uova sode e insalata;

A cena petto di pollo e un pomodoro.

Mercoledì

A colazione 50 grammi di avena e un frutto, ad esempio un kiwi;

A pranzo due uova sode e cavolfiore lesso; 

A cena cosce di pollo e spinaci lessi.

Giovedì

A colazione un frutto a piacere e 30 grammi di noci; 

A pranzo riso integrale con il pomodoro, due uova sode e insalata; 

A cena carne rossa e carote lesse.

Venerdì

A colazione un frutto a piacere e uno yogurt; 

A pranzo due uova sode e spinaci; 

A cena tonno al naturale, insalata con un pomodoro.

Sabato

A colazione una banana e 30 grammi di semi di zucca; 

A pranzo riso integrale con due uova sode, cetriolini e carote; 

A cena pesce alla griglia, ad esempio nasello, con contorno di spinaci e carote.

Domenica

A colazione 30 grammi di semi di sesamo e due arance; 

A pranzo 50 grammi di quinoa con due uova sode e un pomodoro; 

A cena petto di pollo e zucchine lesse.

Dieta velocissima 10 kg in una settimana: consigli finali

Queste due diete per dimagrire permettono davvero di perdere 10 kg in 7 giorni, ma hanno qualche controindicazione che bisogna valutare prima di iniziare. Innanzitutto sono molto restrittive e quindi il fisico potrebbe debilitarsi: meglio sempre chiedere il parere del medico prima di danneggiare l’organismo.

Si tratta di speciali regimi alimentari che devono avere durata limitata: mai prendere iniziativa e continuare oltre il tempo previsto!

Non devono mai essere iniziate diete in autonomia se sussistono malattie o si assumono farmaci. Infine, è importante verificare eventuali intolleranze prima di fare il menù, per evitare di stare male. 

In conclusione, se volete dimagrire velocemente potete approfittare dei benefici di questi due regimi, Scarsdale e dieta del cardiologo Lundell, che tengono conto della salute del cuore, ma monitorando sempre non solo i risultati ma anche le eventuali reazioni del fisico a questi cambiamenti alimentari.